copertina di Tony Oursler

24 Ore Cultura

Tony Oursler: Open Obscura

€45.00
di G.Mercurio D.Paparoni
 

“Nel seno dell’approccio video scattano inevitabilmente esigenze di sofisticazione, di depistamento, rispetto agli esiti più consueti; e di queste varianti sofisticate nessuno è capace più di un altro statunitense, Tony Oursler.” (Renato Barilli)

24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE pubblica il volume Tony Oursler che accompagna la mostra in programma al Padiglione d’arte Contemporanea di Milano nella primavera del 2011.
Il volume, con gli scritti di Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni, presenterà una selezione di circa 40 opere che illustrano il percorso dell’artista americano noto per le sue opere multimediali, le sue installazioni e le sue opere di performing art. Le installazioni multimediali che l'hanno reso famoso sono costituite da video proiettati in tre dimensioni, spesso su superfici sferiche, che accentuano la carica espressiva del soggetto: un viso nell'atto di parlare, osservare o urlare. Combinando scultura, video proiezioni e registrazioni della voce umana, Oursler ricerca l'interazione con il pubblico e l'animazione di concetti psicologici e filosofici all'interno di uno spazio quasi onirico dove viene posta grande attenzione all’elemento luminoso. In particolare sono presentate le sue video sculture realizzate a partire dagli anni ’80 fino ai lavori più recenti: decostruzioni di immagini e suoni, che indagano gli stati psicologici e le diverse manifestazioni emozionali, quali l’insicurezza, la paura, la paranoia e la solitudine.

 

* Tony Oursler è nato nel 1957 a New York, dove vive. attivo partire dagli anni ’80 Oursler è stato uno dei primi artisti a capire i limiti della televisione portando le immagini fuori dallo schermo animandole su tre dimensioni. Ha sviluppato un'approfondita ricerca sul mezzo video integrando nelle sue installazioni elementi scultorei e proiezioni e creando uno spazio duttile e cangiante in cui linguaggio e immagini convivono. Priorità della ricerca artistica di Oursler è di creare un dialogo che coinvolga attivamente lo spettatore. Tra le numerose mostre, si segnalano: la Biennale del Whitney (1989); Documenta di Kassel (1992); la personale alla Lisson Gallery di Londra e alla Metro Pictures di New York (1996); al Macro di Roma (2002); al Metro Picture, NY, (2003); al Jeu de Paume, Parigi, (2005) e alla mostra “Timer”, Triennale di Milano (2007). Ha lavorato con David Bowie, Rem Koolhaas e Sonic Youth.

Gianni Mercurio ha curato alcune tra le più importanti mostre monografiche realizzate in Italia negli ultimi anni. Vive a Roma. Esperto di arte americana dagli anni Sessanta ad oggi, ha curato tra l’altro l’imponente trilogia The andy Warhol Show, The Keith Haring Show, The Jean Michael Basquiat Show alla Triennale di Milano. Nel 1996 ha fondato e diretto fino al 2001 il Chiostro del Bramante, a Roma.
Demetrio Paparoni è nato a Siracusa nel 1954 e vive a Milano. Critico d'arte, saggista e curatore di mostre, è autore di libri teorici sull'arte contemporanea e di monografie. agli inizi degli anni '80 ha fondato la rivista “Tema Celeste”, che ha diretto fino all'aprile del 2000.

Veste editoriale: Cartonato
Formato: 25,5x28,5
Pagine: 176
Immagini a colori: 76
Lingua: IT
Anno: 2011
 
ISBN: 9788871796635