fbpx

LIMOND

LA MONTAGNA DI CARLO MOLLINO

59,00 

1 disponibili

LA MONTAGNA DI CARLO MOLLINO. Architetture e progetti nelle Alpi

 

Abitualmente descritta come una delle tante “passioni” dell’eclettico architetto torinese, la montagna per Carlo Molino (1905-1973) è in realtà uno strardinario laboratorio sperimentale ed estremo, che ha contribuito in modo sostanziale a delineare il suo fare progettuale. Lo studio inedito dei progetti montani di Carlo Molino in relazione al milieu sociale e culturale dell’epoca, alle influenze architettoniche italiane e internazionali, consente non solo di rinnovare l’immagine consueta e stereotipata dell’architetto-artista, ma soprattutto di comprendere l’opera di un illustre interprete di quella cultura progettuale che nel corso del Novecento ha dato un volto nuovo alle valli alpine. Dalle origini del modernismo alpino alla nascita di Cervinia e Sauze d’Oulx, dai rilievi delle architetture rurali ai progetti per le nuove realtà urbane valdostane, dalla reinvenzione della casa di montagna fino alla parabola discendente dell’ipermodernismo degli anni del turismo di massa, il corpus progettuale presentato nel volume traccia le geografie e le traiettorie lungo le quali si è mossa la straordinaria produzione molliniana. Progettare in montagna per Molino si trasforma in un’occasione di ricerca nuova e originale, ben lontana dai percorsi canonici della cultura architettonica del secondo dopoguerra.

INDICE: Discesisti, amici, committenti, imprenditori di Sergio Pace. Geografie progettuali molliniane: La nascita del modernismo alpino – La scoperta dell’architettura rurale montana – L’invenzione di Cervinia – La Valle di Susa, montagna di Torino – La modernizzazione della Valle d’Aosta – La moderna casa in montagna – L’ipermodernismo alpino (e fine di un ciclo). Scritti di Carlo Molino. Tabù e tradizione nella costruzione montana. Bibliografia essenziale su Carlo Molino. Indice dei nomi.

Antonio De Rossi è professore ordinario di Progettazione architettonica al Politecnico di Torino e direttore della rivista internazionale Archalp. Tra le sue pubblicazioni, l’opera in due volumi La costruzione delle Alpi (Donzelli, 2014, 2016). Ha al suo attivo progetti architettonici e rigenerativi in territorio montano e diversi volumi che hanno conseguito premi e riconoscimenti. Roberto Dini, architetto e PhD, è professore associato di composizione architettonica e urbana presso il Politecnico di Torino. Svolge attività di ricerca sui temi del progetto nelle Alpi presso l’Istituto di Architettura Montana, di cui è Direttore. È redattore della rivista ArchAlp e autore di varie pubblicazioni tra cui Rifugi e bivacchi. Gli imperdibili delle alpi (Hoepli 2018).