fbpx

LIMOND

IGNAZIO GARDELLA ALTRE ARCHITETTURE

25,00 

2 disponibili

a cura di Angelo Lorenzi – Carlo Quintelli

La figura di Ignazio Gardella (1905-1999) è stata, a partire dagli anni Trenta del secolo scorso, al centro di una ricca letteratura critica, segnata da contributi di grandi studiosi e architetti. Molteplici sguardi che hanno individuato gli elementi caratterizzanti il suo lavoro, quali il rapporto con le tecniche della composizione, la storia, i contesti e le città. Aspetto meno noto e più aperto alla sperimentazione è la ricerca sullo spazio interno, che pervade tutto l’arco della sua carriera.
Le altre architetture cui si fa riferimento in questo volume non alludono soltanto all’intenzione di occuparsi dell’inedito o degli aspetti minori, magari non del tutto compresi e a volte trascurati, ma anche alla possibilità di aggiungere materiale di indagine, per comprendere meglio il processo  di elaborazione compositiva di Gardella, a partire dai progetti per gli interni, attraverso le sistemazioni espositive stabili o gli allestimenti effimeri.
Progetti che a volte, nell’immedesimazione del lavoro di archivio, ci appaiono essere sorgente e non riflesso della sua più conclamata espressione architettonica. I contributi qui presentati sono il risultato dell’attività di ricerca avviata nel 2016 nell’ambito di un programma pluriennale dello CSAC (Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma) dedicato all’opera di alcuni maestri dell’architettura italiana del Novecento, portatori di un’eredità culturale che si ritiene debba essere reinvestita nei processi di trasformazione e avanzamento disciplinare del progetto di architettura.

Veste editoriale: Brossura
Formato:
Pagine: 240
Immagini a colori-b/n:
Lingua: IT-GB
Anno: 2020

ISBN: 9788893871334

Angelo Lorenzi (1963), dopo la formazione al Politecnico di Torino e il Dottorato allo IUAV, è dal 2014 professore associato di Composizione architettonica e urbana presso il Politecnico di Milano, Polo di Mantova, Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle costruzioni e Ambiente costruito (ABC). Dal 1991 al 1995 ha collaborato con lo studio di Ignazio Gardella a Milano e successivamente ha continuato ad occuparsi dell’opera di Gardella scrivendo saggi e collaborando all’organizzazione di varie esposizioni. È autore di numerosi saggi e progetti e ha tenuto lezioni presso scuole di architettura italiane e straniere. I temi di ricerca da lui affrontati riguardano in particolare il rapporto tra antico e nuovo in architettura e la questione del progetto nei contesti stratificati e alcune esperienze singolari nell’ambito dell’architettura del Novecento, in Italia, Europa e Sudamerica, legate alla revisione critica dell’eredità del Moderno. Carlo Quintelli (1958), dopo la formazione al Politecnico di Milano, il Dottorato allo IUAV, l’attività di ricerca e insegnamento al Politecnico di Torino, è dal 2001 professore ordinario di Composizione architettonica e urbana presso l’Università di Parma, della cui Facoltà di Architettura è stato tra i promotori con Guido Canella nel 1998. Direttore del Festival dell’Architettura dal 2003 al 2011, si applica alla ricerca architettonica sui temi della rigenerazione urbana, del sistema policentrico della via Emilia (Cittaemilia), dell’insediamento e dell’architettura universitaria. Responsabile scientifico di IP Erasmus, autore di numerosi saggi e progetti di architettura realizzata, dal 2013 al 2017, attraverso il ruolo di pro-rettore all’edilizia e all’insediamento urbano dell’Università di Parma, cura il progetto di rilancio dell’Abbazia di Valserena, sede dello CSAC, e lo sviluppo del sistema insediativo universitario “Mastercampus”.