fbpx

LIMOND

MUSSOLINI ARCHITETTO

39,00 

Esaurito

di Paolo Nicoloso

MUSSOLINI ARCHITETTO. Propaganda e Paesaggio urbano nell’Italia fascista

Il frenetico attivismo architettonico di Mussolini. La corsa a disseminare l’Italia di simboli di pietra ad uso del regime e della costruzione dell’uomo nuovo fascista, sullo sfondo di un’incredibile sfida a Hitler e all’egemonia dell’architettura nazista.
 
Non è vero che Mussolini non abbia avuto una politica architettonica. Dalla metà degli anni Trenta nuovi e imponenti palazzi pubblici, accanto ai monumenti antichi e gloriosi, costituiscono lo scenario per il suo piú ambizioso progetto politico e antropologico: la creazione dell’uomo nuovo fascista, stirpe rinnovata di italiani guerrieri e costruttori. L’architettura diviene simbolo dell’identità della nazione, efficace dispositivo capace di suggestionare le masse, inculcare i miti, modellare il carattere delle generazioni. Nata per durare, l’architettura mussoliniana si propone di tramandare ai posteri i valori della civiltà fascista allo scopo di ipotecare la costruzione dell’identità nazionale per le epoche che verranno. Compresa la nostra.

Nel corso degli anni Trenta un instancabile Mussolini percorre in lungo e in largo l’Italia inaugurando centinaia di opere architettoniche.
È un attivismo progettuale che assegna un ruolo privilegiato alla città di Roma, dove non c’è opera importante di cui il duce non abbia visitato il cantiere o esaminato il progetto, ma che dissemina tutto il paese di una miriade di simboli di pietra, icone del patto politico da lui stretto con il suo popolo.
Tra viaggi, visite ai cantieri e udienze a Palazzo Venezia, il dittatore viene personalmente a contatto con centinaia di volenterosi architetti scesi in lizza per dar forma ai palazzi e alle piazze del regime, con i quali ingaggia un fitto e riservato dialogo anche a colpi di matita.
Verso la fine del ventennio Mussolini coglie con sempre maggior chiarezza il ruolo centrale che l’architettura può svolgere nel processo di costruzione della nuova civiltà fascista. L’esito piú imponente è l’E42, la nuova città alle porte di Roma: straordinaria impresa non solo architettonica che mobilita l’intera nazione e che nella sua trama di archi e colonne interagisce con i miti del fascismo e della sua romanità. Sarà quello il modello per l’ultima stagione di interventi edilizi che il fascismo progetterà per la capitale e per altre città italiane.

> Paolo Nicoloso (Buja, 1957) insegna Storia dell’architettura alle Università di Trieste e di Udine. Studioso di storia dell’architettura italiana del Novecento, ha pubblicato tra l’altro Gli architetti di Mussolini (1999) e Il trionfo della miseria (1995, con Andrea Guerra e Elisabetta Molteni). Ha curato con Ferruccio Luppi Il piano Fanfani in Friuli (2001).

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 14,5×22,5
Pagine: 316
Immagini b/n: 70
Lingua: IT
Anno: 2008

ISBN: 9788806190866

MUSSOLINI ARCHITETTO

39,00 

Esaurito

di Paolo Nicoloso

MUSSOLINI ARCHITETTO. Propaganda e Paesaggio urbano nell’Italia fascista

Il frenetico attivismo architettonico di Mussolini. La corsa a disseminare l’Italia di simboli di pietra ad uso del regime e della costruzione dell’uomo nuovo fascista, sullo sfondo di un’incredibile sfida a Hitler e all’egemonia dell’architettura nazista.
 
Non è vero che Mussolini non abbia avuto una politica architettonica. Dalla metà degli anni Trenta nuovi e imponenti palazzi pubblici, accanto ai monumenti antichi e gloriosi, costituiscono lo scenario per il suo piú ambizioso progetto politico e antropologico: la creazione dell’uomo nuovo fascista, stirpe rinnovata di italiani guerrieri e costruttori. L’architettura diviene simbolo dell’identità della nazione, efficace dispositivo capace di suggestionare le masse, inculcare i miti, modellare il carattere delle generazioni. Nata per durare, l’architettura mussoliniana si propone di tramandare ai posteri i valori della civiltà fascista allo scopo di ipotecare la costruzione dell’identità nazionale per le epoche che verranno. Compresa la nostra.

Nel corso degli anni Trenta un instancabile Mussolini percorre in lungo e in largo l’Italia inaugurando centinaia di opere architettoniche.
È un attivismo progettuale che assegna un ruolo privilegiato alla città di Roma, dove non c’è opera importante di cui il duce non abbia visitato il cantiere o esaminato il progetto, ma che dissemina tutto il paese di una miriade di simboli di pietra, icone del patto politico da lui stretto con il suo popolo.
Tra viaggi, visite ai cantieri e udienze a Palazzo Venezia, il dittatore viene personalmente a contatto con centinaia di volenterosi architetti scesi in lizza per dar forma ai palazzi e alle piazze del regime, con i quali ingaggia un fitto e riservato dialogo anche a colpi di matita.
Verso la fine del ventennio Mussolini coglie con sempre maggior chiarezza il ruolo centrale che l’architettura può svolgere nel processo di costruzione della nuova civiltà fascista. L’esito piú imponente è l’E42, la nuova città alle porte di Roma: straordinaria impresa non solo architettonica che mobilita l’intera nazione e che nella sua trama di archi e colonne interagisce con i miti del fascismo e della sua romanità. Sarà quello il modello per l’ultima stagione di interventi edilizi che il fascismo progetterà per la capitale e per altre città italiane.

> Paolo Nicoloso (Buja, 1957) insegna Storia dell’architettura alle Università di Trieste e di Udine. Studioso di storia dell’architettura italiana del Novecento, ha pubblicato tra l’altro Gli architetti di Mussolini (1999) e Il trionfo della miseria (1995, con Andrea Guerra e Elisabetta Molteni). Ha curato con Ferruccio Luppi Il piano Fanfani in Friuli (2001).

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 14,5×22,5
Pagine: 316
Immagini b/n: 70
Lingua: IT
Anno: 2008

ISBN: 9788806190866

FAQ

Leggi le domande frequenti per avere maggiori informazioni sui metodi di pagamento, la spedizione e molto altro

Per acquistare uno o più libri è sufficiente compilare l’apposito modulo al quale si accede dalla scheda di ciascun libro.

Qualora i volumi ordinati non siano tutti immediatamente disponibili, il nostro staff si riserva di contattarti via mail per concordare le modalità di spedizione (A: invio immediato dei volumi presenti a magazzino e successivo invio di quelli mancanti – B. invio unico dopo il ricevimento da parte nostra dei volumi mancanti).

N.B. la fattura deve essere esplicitamente richiesta al momento dell’ordine, comunicando la ragione sociale completa di partita IVA e/o Codice Fiscale e Codice SDI.

Ai sensi dell’Art.5 del relativo Decreto, l’acquirente ha il diritto di recedere dal contratto e restituire i volumi ordinati entro 10 giorni lavorativi, purchè nel medesimo stato in cui li ha ricevuti. Il diritto di recesso dovrà essere esercitato mediante invio di lettera raccomandata A.R. a: LIMOND S.a.s. – via Arnolfo di Cambio 24/A – 37138 Verona (VR) – entro il termine di 10 (dieci) giorni lavorativi dal ricevimento dei volumi.

Tutti i resi dovranno essere autorizzati da Limond S.a.s (tel. +393472455641) con l’assegnazione di un numero di autorizzazione alla resa. Le spese di spedizione saranno interamente a carico del cliente e non si accetteranno pacchi in contrassegno.

Al ricevimento dei volumi, e verificata la loro integrità, Limond S.a.s. provvederà, entro 10 (dieci) giorni, ad accreditare il cliente del valore dei volumi restituiti.

La tempestività nell’evasione dell’ordine è determinata dalla disponibilità della merce ordinata. In caso di immediata disponibilità l’ordine verrà evaso entro 2 giorni lavorativi. Qualora uno o più libri non dovessero essere presenti a magazzino possono essere ordinati su richiesta; il nostro staff informerà il cliente, via mail, circa i tempi necessari per l’evasione dell’ordine.

Pagamento tramite bonifico bancario anticipato alle coordinate comunicate in fase di check-out

I costi di invio (che comprendono imballo e spedizione) per libri e riviste in ITALIA sono i seguenti:

Servizio postale: 3-5 gg (per merce immediatamente disponibile presso il nostro magazzino)

  • Spedizioni per acquisti fino a 62,00€: €5,50
  • Spedizioni per acquisti fino a 120,00€: €9,50
  • Spedizioni per acquisti superiori a 120,00€: Gratuite

Per una quotazione dei costi di invio in EUROPA o per spedizioni internazionali vengono richiesti i seguenti dati:

  • Nome/Cognome
  • Indirizzo (comprensivo di Codice postale)
  • Mail
  • Telefono (meglio se Cellulare)

 

Alla conferma di accettazione, verranno comunicate coordinate bancarie/account PayPal da utilizzare per il pagamento. Un Una volta ricevuto, verrà evasa la spedizione inoltrando notifica e tracciabiltà.