fbpx

LIMOND

MASSIMO MARIANI

65,00 

1 disponibili

MASSIMO MARIANI. Progetti 1980-2005

Massimo Mariani è un architetto particolare, direi quasi anomalo, che ha saputo elaborare un suo pianeta architettura autonomo, creato dal connubio tra la sua conoscenza (e intuizione) dello spazio e la sua capacità di tradurre l’ oggetto architettonico (in particolare per quanto riguarda la sua, ormai lunga, pratica nell’ architettura di uso pubblico) in una sorta di prototipo o di esemplare unico di un lavoro hight-tech, come una navicella spaziale.
E ha sempre portato avanti la stessa impostazione progettuale fin dai suoi primi concorsi (da quello del “Ponte dell’ Accademia” alla Biennale di Venezia dell’ ’85, con Remo Bufi, a “La casa più bella del mondo”, ’88 e ’91, nell’ambito delle manifestazioni legate al nuovo design, o “antidesign” radicale, che Andrea Branzi ha definito “design postindustriale”, al concorso per la nuova sede comunale a Casalecchio sul Reno. ’98, dalla copertura erbosa a forma di stella) e fin dalla realizzazione di una delle sue prime sedi bancarie a Fornacette (’91-’95), che, come ricorda Cecilia Barbieri nel suo attento e affettuoso intervento, definivo una sorta di “angelo-macchina tecnologico”, un angelo metropolitano “calato su un terreno sconosciuto, forse ostile da cui sembra volersi difendere”. Il contesto nel quale si calano i suoi lavori è quasi sempre quello di una periferia banale, talvolta degradata, che intende riscat-tarsi, specialmente la sera, attraverso i colori abbaglianti delle insegne sgargianti, alla Las Vegas.
Anche le realizzazioni di Mariani scelgono la sera e la notte per “apparire” in tutta la loro diversità, che trova conferma nelle sue forme bloccate, come performate, pressurizzate, e si rafforza nell’uso di materiali leggeri, tecnologici, di cui egli ricopre le superfici esterne, a rendere l’idea di difesa di un tesoro, il più difeso da sempre quale espressione di potere, il denaro racchiuso all’interno, come in un fortino.
Ma quando si passa agli interni Mariani rovescia il concetto che sembra inizialmente porsi come caratteristica condizionante del tema (I’idea di banca come forziere segreto), creando spazi di carattere urbano, evocando I’idea di piazza, di percorso, di comunicazione, con affacciamene e piccoli terrazzi, la cui luminosità si riversa, particolarmente in veduta notturna, a mezzo di aperture verso I’esterno, a rendere ironicamente accessibile e, perché no, raggiungibile (?), il tesoro nascosto…
– Lara-Vinca Masini

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 24×30
Pagine: 232
Immagini a colori-b/n: 210
Lingua: IT-GB
Anno: 2006

ISBN: 9781905216024

MASSIMO MARIANI

65,00 

1 disponibili

MASSIMO MARIANI. Progetti 1980-2005

Massimo Mariani è un architetto particolare, direi quasi anomalo, che ha saputo elaborare un suo pianeta architettura autonomo, creato dal connubio tra la sua conoscenza (e intuizione) dello spazio e la sua capacità di tradurre l’ oggetto architettonico (in particolare per quanto riguarda la sua, ormai lunga, pratica nell’ architettura di uso pubblico) in una sorta di prototipo o di esemplare unico di un lavoro hight-tech, come una navicella spaziale.
E ha sempre portato avanti la stessa impostazione progettuale fin dai suoi primi concorsi (da quello del “Ponte dell’ Accademia” alla Biennale di Venezia dell’ ’85, con Remo Bufi, a “La casa più bella del mondo”, ’88 e ’91, nell’ambito delle manifestazioni legate al nuovo design, o “antidesign” radicale, che Andrea Branzi ha definito “design postindustriale”, al concorso per la nuova sede comunale a Casalecchio sul Reno. ’98, dalla copertura erbosa a forma di stella) e fin dalla realizzazione di una delle sue prime sedi bancarie a Fornacette (’91-’95), che, come ricorda Cecilia Barbieri nel suo attento e affettuoso intervento, definivo una sorta di “angelo-macchina tecnologico”, un angelo metropolitano “calato su un terreno sconosciuto, forse ostile da cui sembra volersi difendere”. Il contesto nel quale si calano i suoi lavori è quasi sempre quello di una periferia banale, talvolta degradata, che intende riscat-tarsi, specialmente la sera, attraverso i colori abbaglianti delle insegne sgargianti, alla Las Vegas.
Anche le realizzazioni di Mariani scelgono la sera e la notte per “apparire” in tutta la loro diversità, che trova conferma nelle sue forme bloccate, come performate, pressurizzate, e si rafforza nell’uso di materiali leggeri, tecnologici, di cui egli ricopre le superfici esterne, a rendere l’idea di difesa di un tesoro, il più difeso da sempre quale espressione di potere, il denaro racchiuso all’interno, come in un fortino.
Ma quando si passa agli interni Mariani rovescia il concetto che sembra inizialmente porsi come caratteristica condizionante del tema (I’idea di banca come forziere segreto), creando spazi di carattere urbano, evocando I’idea di piazza, di percorso, di comunicazione, con affacciamene e piccoli terrazzi, la cui luminosità si riversa, particolarmente in veduta notturna, a mezzo di aperture verso I’esterno, a rendere ironicamente accessibile e, perché no, raggiungibile (?), il tesoro nascosto…
– Lara-Vinca Masini

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 24×30
Pagine: 232
Immagini a colori-b/n: 210
Lingua: IT-GB
Anno: 2006

ISBN: 9781905216024

FAQ

Leggi le domande frequenti per avere maggiori informazioni sui metodi di pagamento, la spedizione e molto altro

Per acquistare uno o più libri è sufficiente compilare l’apposito modulo al quale si accede dalla scheda di ciascun libro.

Qualora i volumi ordinati non siano tutti immediatamente disponibili, il nostro staff si riserva di contattarti via mail per concordare le modalità di spedizione (A: invio immediato dei volumi presenti a magazzino e successivo invio di quelli mancanti – B. invio unico dopo il ricevimento da parte nostra dei volumi mancanti).

N.B. la fattura deve essere esplicitamente richiesta al momento dell’ordine, comunicando la ragione sociale completa di partita IVA e/o Codice Fiscale e Codice SDI.

Ai sensi dell’Art.5 del relativo Decreto, l’acquirente ha il diritto di recedere dal contratto e restituire i volumi ordinati entro 10 giorni lavorativi, purchè nel medesimo stato in cui li ha ricevuti. Il diritto di recesso dovrà essere esercitato mediante invio di lettera raccomandata A.R. a: LIMOND S.a.s. – via Arnolfo di Cambio 24/A – 37138 Verona (VR) – entro il termine di 10 (dieci) giorni lavorativi dal ricevimento dei volumi.

Tutti i resi dovranno essere autorizzati da Limond S.a.s (tel. +393472455641) con l’assegnazione di un numero di autorizzazione alla resa. Le spese di spedizione saranno interamente a carico del cliente e non si accetteranno pacchi in contrassegno.

Al ricevimento dei volumi, e verificata la loro integrità, Limond S.a.s. provvederà, entro 10 (dieci) giorni, ad accreditare il cliente del valore dei volumi restituiti.

La tempestività nell’evasione dell’ordine è determinata dalla disponibilità della merce ordinata. In caso di immediata disponibilità l’ordine verrà evaso entro 2 giorni lavorativi. Qualora uno o più libri non dovessero essere presenti a magazzino possono essere ordinati su richiesta; il nostro staff informerà il cliente, via mail, circa i tempi necessari per l’evasione dell’ordine.

Pagamento tramite bonifico bancario anticipato alle coordinate comunicate in fase di check-out

I costi di invio (che comprendono imballo e spedizione) per libri e riviste in ITALIA sono i seguenti:

Servizio postale: 3-5 gg (per merce immediatamente disponibile presso il nostro magazzino)

  • Spedizioni per acquisti fino a 62,00€: €5,50
  • Spedizioni per acquisti fino a 120,00€: €9,50
  • Spedizioni per acquisti superiori a 120,00€: Gratuite

Per una quotazione dei costi di invio in EUROPA o per spedizioni internazionali vengono richiesti i seguenti dati:

  • Nome/Cognome
  • Indirizzo (comprensivo di Codice postale)
  • Mail
  • Telefono (meglio se Cellulare)

 

Alla conferma di accettazione, verranno comunicate coordinate bancarie/account PayPal da utilizzare per il pagamento. Un Una volta ricevuto, verrà evasa la spedizione inoltrando notifica e tracciabiltà.