fbpx

LIMOND

LOMBARDIA ROMANICA (Vol.2): Paesaggi Monumentali

75,00 

di AA.VV.
a cura di Roberto CassanelliPaolo Piva

La Lombardia attuale corrisponde solo in parte al territorio così definito nel Medioevo: essa è infatti frutto del riassetto conseguente all’Unità, che spartì artificialmente tra due distinte regioni il regno Lombardo-Veneto. D’altra parte il periodo storico che grosso modo corrisponde alla categoria creata agli inizi dell’Ottocento di ‘romanico’ (XI-XII sec.) vede il frantumarsi dell’egemonia imperiale e la formazione delle autonomie comunali, e il forte incardinamento locale delle esperienze costruttive e decorative, pur in un orizzonte sostanzialmente omogeneo.
A fronte della grande fortuna goduta tra Otto e Novecento dalla definizione di ‘romanico lombardo’, questo volume (che fa seguito a quello edito lo scorso anno dedicato ai ‘grandi cantieri’) ne indaga la straordinaria varietà nella terra d’origine, assumendo come pista privilegiata il territorio, secondo aggregazioni omogenee legate alle singole città e alle relative distrettuazioni diocesane, che determinano, prima dell’affermarsi della signoria viscontea, l’effettiva e sostanziale rete di relazioni economiche e culturale.
Il paesaggio romanico di Milano è caratterizzato non tanto da nuove fondazioni, quanto dalla ricostruzione della folta serie di chiese tardoantiche e altomedievali. E la stessa cosa accade altrove, a Como (S. Abondio) come a Pavia. Ciò determina una stretta connessione, un confronto continuo, tra forme ‘moderne’ e ‘antiche’, con queste ultime assunte a fondamentale ‘misura’ e orizzonte delle nuove esperienze. Ma come ricordava già Rodolfo il Glabro, la fortissima ripresa dell’attività edilizia che fa seguito al valico dell’anno Mille si diffonde, per ondate successive, dalla città alle campagne, disseminando di piccoli edifici anche i luoghi più remoti. E’ un fenomeno che si potrebbe definire ‘romanico diffuso’, che caratterizza il territorio ben al di là dell’intervallo cronologico, delle ricostruzioni successive e degli spesso infelici interventi di restauro.
Il lavoro di selezione e catalogazione è stato condotto, con il coordinamento di R. Cassanelli e P. Piva, da un folto gruppo di giovani studiosi, che a un secolo dalla pubblicazione del fondamentale repertorio di A.K. Porter (1915-17) restituiscono un profilo nuovo, aggiornato e coinvolgente, degli edifici romanici di Lombardia.

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 20×28
Pagine: 320
Lingua: IT
Anno: 2011

ISBN: 9788816604506

LOMBARDIA ROMANICA (Vol.2): Paesaggi Monumentali

75,00 

di AA.VV.
a cura di Roberto CassanelliPaolo Piva

La Lombardia attuale corrisponde solo in parte al territorio così definito nel Medioevo: essa è infatti frutto del riassetto conseguente all’Unità, che spartì artificialmente tra due distinte regioni il regno Lombardo-Veneto. D’altra parte il periodo storico che grosso modo corrisponde alla categoria creata agli inizi dell’Ottocento di ‘romanico’ (XI-XII sec.) vede il frantumarsi dell’egemonia imperiale e la formazione delle autonomie comunali, e il forte incardinamento locale delle esperienze costruttive e decorative, pur in un orizzonte sostanzialmente omogeneo.
A fronte della grande fortuna goduta tra Otto e Novecento dalla definizione di ‘romanico lombardo’, questo volume (che fa seguito a quello edito lo scorso anno dedicato ai ‘grandi cantieri’) ne indaga la straordinaria varietà nella terra d’origine, assumendo come pista privilegiata il territorio, secondo aggregazioni omogenee legate alle singole città e alle relative distrettuazioni diocesane, che determinano, prima dell’affermarsi della signoria viscontea, l’effettiva e sostanziale rete di relazioni economiche e culturale.
Il paesaggio romanico di Milano è caratterizzato non tanto da nuove fondazioni, quanto dalla ricostruzione della folta serie di chiese tardoantiche e altomedievali. E la stessa cosa accade altrove, a Como (S. Abondio) come a Pavia. Ciò determina una stretta connessione, un confronto continuo, tra forme ‘moderne’ e ‘antiche’, con queste ultime assunte a fondamentale ‘misura’ e orizzonte delle nuove esperienze. Ma come ricordava già Rodolfo il Glabro, la fortissima ripresa dell’attività edilizia che fa seguito al valico dell’anno Mille si diffonde, per ondate successive, dalla città alle campagne, disseminando di piccoli edifici anche i luoghi più remoti. E’ un fenomeno che si potrebbe definire ‘romanico diffuso’, che caratterizza il territorio ben al di là dell’intervallo cronologico, delle ricostruzioni successive e degli spesso infelici interventi di restauro.
Il lavoro di selezione e catalogazione è stato condotto, con il coordinamento di R. Cassanelli e P. Piva, da un folto gruppo di giovani studiosi, che a un secolo dalla pubblicazione del fondamentale repertorio di A.K. Porter (1915-17) restituiscono un profilo nuovo, aggiornato e coinvolgente, degli edifici romanici di Lombardia.

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 20×28
Pagine: 320
Lingua: IT
Anno: 2011

ISBN: 9788816604506

FAQ

Leggi le domande frequenti per avere maggiori informazioni sui metodi di pagamento, la spedizione e molto altro

Per acquistare uno o più libri è sufficiente compilare l’apposito modulo al quale si accede dalla scheda di ciascun libro.

Qualora i volumi ordinati non siano tutti immediatamente disponibili, il nostro staff si riserva di contattarti via mail per concordare le modalità di spedizione (A: invio immediato dei volumi presenti a magazzino e successivo invio di quelli mancanti – B. invio unico dopo il ricevimento da parte nostra dei volumi mancanti).

N.B. la fattura deve essere esplicitamente richiesta al momento dell’ordine, comunicando la ragione sociale completa di partita IVA e/o Codice Fiscale e Codice SDI.

Ai sensi dell’Art.5 del relativo Decreto, l’acquirente ha il diritto di recedere dal contratto e restituire i volumi ordinati entro 10 giorni lavorativi, purchè nel medesimo stato in cui li ha ricevuti. Il diritto di recesso dovrà essere esercitato mediante invio di lettera raccomandata A.R. a: LIMOND S.a.s. – via Arnolfo di Cambio 24/A – 37138 Verona (VR) – entro il termine di 10 (dieci) giorni lavorativi dal ricevimento dei volumi.

Tutti i resi dovranno essere autorizzati da Limond S.a.s (tel. +393472455641) con l’assegnazione di un numero di autorizzazione alla resa. Le spese di spedizione saranno interamente a carico del cliente e non si accetteranno pacchi in contrassegno.

Al ricevimento dei volumi, e verificata la loro integrità, Limond S.a.s. provvederà, entro 10 (dieci) giorni, ad accreditare il cliente del valore dei volumi restituiti.

La tempestività nell’evasione dell’ordine è determinata dalla disponibilità della merce ordinata. In caso di immediata disponibilità l’ordine verrà evaso entro 2 giorni lavorativi. Qualora uno o più libri non dovessero essere presenti a magazzino possono essere ordinati su richiesta; il nostro staff informerà il cliente, via mail, circa i tempi necessari per l’evasione dell’ordine.

Pagamento tramite bonifico bancario anticipato alle coordinate comunicate in fase di check-out

I costi di invio (che comprendono imballo e spedizione) per libri e riviste in ITALIA sono i seguenti:

Servizio postale: 3-5 gg (per merce immediatamente disponibile presso il nostro magazzino)

  • Spedizioni per acquisti fino a 62,00€: €5,50
  • Spedizioni per acquisti fino a 120,00€: €9,50
  • Spedizioni per acquisti superiori a 120,00€: Gratuite

Per una quotazione dei costi di invio in EUROPA o per spedizioni internazionali vengono richiesti i seguenti dati:

  • Nome/Cognome
  • Indirizzo (comprensivo di Codice postale)
  • Mail
  • Telefono (meglio se Cellulare)

 

Alla conferma di accettazione, verranno comunicate coordinate bancarie/account PayPal da utilizzare per il pagamento. Un Una volta ricevuto, verrà evasa la spedizione inoltrando notifica e tracciabiltà.