fbpx

LIMOND

LOMBARDIA RINASCIMENTALE

75,00 

1 disponibili

di Maria Grazia BalzariniTiziana Monaco

E’ tipico della Lombardia e in particolare del territorio milanese il tenace prolungarsi della stagione gotica fino a date tardissime, agli anni Sessanta del Quattrocento e oltre, mentre un caso a parte, troppo precoce rispetto alle vicende locali, rimane la folgorante presenza di Masolino a Castiglione Olona. L’arrivo del Filarete a Milano, poco dopo la metà del XV secolo, ed il suo impegno nel grande cantiere della Ca’ Granda segnano il primo varco di un rinnovamento insieme aggiornato e classicheggiante della cultura architettonica e non solo.
Ma è con il grande e famoso ciclo di affreschi dipinto dal Foppa nella Cappella Portinari che può riconoscersi il primo vero manifesto di un “rinascimento” lombardo: aderente agli spiriti prospettici toscani, ma nel contempo rivolto alla creazione di una poetica lombarda realistica e immediatamente percepibile nella sua narratività. Un’analoga dialettica fra tradizione e rinnovamento si ha in quegli anni in campo architettonico dalla pervasiva presenza dei Solari, caratterizzata da una compostezza compositiva che rifiuta la tradizione tardo gotica, ai grandi cantieri in cui si assiste alla simbiosi di architettura e scultura, come la Certosa di Pavia o il Duomo di Como.
Con il contemporaneo arrivo in Lombardia di Bramante e Leonardo, chiamati da Ludovico il Moro, si compie infine la “svolta moderna” con cui la committenza artistica lombarda si colloca audacemente all’avanguardia in Italia e Milano si qualifica come la città più avanzata nel dibattito artistico del tempo. Il seguito delle vicende artistiche lombarde vivrà di questa formidabile spinta. La rielaborazione in chiave lombarda di quelle grandi lezioni è comunque geniale e multiforme: dalla pittura di Bramantino, Zenale e Bergognone, per citare alcuni nomi, all’originalissima tradizione scultorea caratterizzata da uno straordinario fuoco inventivo.
Con il Cinquecento altri centri nella regione lombarda diventano propulsori di vicende artistiche fortemente connotate, come la mirabile stagione artistica di Brescia e del suo territorio o la palestra pittorica gravitante attorno al Duomo di Cremona.
Caso a parte è rappresentato da Mantova, teatro di un’ininterrotta politica artistica illuminata dei Gonzaga, che ospita Pisanello ancora in clima gotico, Leon Battista Alberti e Mantegna nella seconda metà del Quattrocento e Giulio Romano, erede di Raffaello e tramite con la cultura romana, nella prima metà del Cinquecento.
La vicenda tracciata nel volume si conclude in piena età borromaica, nel segno di un forte impegno di politica artistica segnato dalla svolta del Concilio di Trento che concorre a dare all’arte lombarda un volto di severo classicismo “riformato”, ben rappresentato dalle architetture di Pellegrino Tibaldi.

– Fotografie di:  BAMS photo – Rodella

Collana: PATRIMONIO ARTISTICO ITALIANO

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 20×28
Pagine: 334
Immagini a colori: 192
Immagini b/n: 158
Lingua: IT
Anno: 2007
 
ISBN: 9788816603318

LOMBARDIA RINASCIMENTALE

75,00 

1 disponibili

di Maria Grazia BalzariniTiziana Monaco

E’ tipico della Lombardia e in particolare del territorio milanese il tenace prolungarsi della stagione gotica fino a date tardissime, agli anni Sessanta del Quattrocento e oltre, mentre un caso a parte, troppo precoce rispetto alle vicende locali, rimane la folgorante presenza di Masolino a Castiglione Olona. L’arrivo del Filarete a Milano, poco dopo la metà del XV secolo, ed il suo impegno nel grande cantiere della Ca’ Granda segnano il primo varco di un rinnovamento insieme aggiornato e classicheggiante della cultura architettonica e non solo.
Ma è con il grande e famoso ciclo di affreschi dipinto dal Foppa nella Cappella Portinari che può riconoscersi il primo vero manifesto di un “rinascimento” lombardo: aderente agli spiriti prospettici toscani, ma nel contempo rivolto alla creazione di una poetica lombarda realistica e immediatamente percepibile nella sua narratività. Un’analoga dialettica fra tradizione e rinnovamento si ha in quegli anni in campo architettonico dalla pervasiva presenza dei Solari, caratterizzata da una compostezza compositiva che rifiuta la tradizione tardo gotica, ai grandi cantieri in cui si assiste alla simbiosi di architettura e scultura, come la Certosa di Pavia o il Duomo di Como.
Con il contemporaneo arrivo in Lombardia di Bramante e Leonardo, chiamati da Ludovico il Moro, si compie infine la “svolta moderna” con cui la committenza artistica lombarda si colloca audacemente all’avanguardia in Italia e Milano si qualifica come la città più avanzata nel dibattito artistico del tempo. Il seguito delle vicende artistiche lombarde vivrà di questa formidabile spinta. La rielaborazione in chiave lombarda di quelle grandi lezioni è comunque geniale e multiforme: dalla pittura di Bramantino, Zenale e Bergognone, per citare alcuni nomi, all’originalissima tradizione scultorea caratterizzata da uno straordinario fuoco inventivo.
Con il Cinquecento altri centri nella regione lombarda diventano propulsori di vicende artistiche fortemente connotate, come la mirabile stagione artistica di Brescia e del suo territorio o la palestra pittorica gravitante attorno al Duomo di Cremona.
Caso a parte è rappresentato da Mantova, teatro di un’ininterrotta politica artistica illuminata dei Gonzaga, che ospita Pisanello ancora in clima gotico, Leon Battista Alberti e Mantegna nella seconda metà del Quattrocento e Giulio Romano, erede di Raffaello e tramite con la cultura romana, nella prima metà del Cinquecento.
La vicenda tracciata nel volume si conclude in piena età borromaica, nel segno di un forte impegno di politica artistica segnato dalla svolta del Concilio di Trento che concorre a dare all’arte lombarda un volto di severo classicismo “riformato”, ben rappresentato dalle architetture di Pellegrino Tibaldi.

– Fotografie di:  BAMS photo – Rodella

Collana: PATRIMONIO ARTISTICO ITALIANO

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 20×28
Pagine: 334
Immagini a colori: 192
Immagini b/n: 158
Lingua: IT
Anno: 2007
 
ISBN: 9788816603318

FAQ

Leggi le domande frequenti per avere maggiori informazioni sui metodi di pagamento, la spedizione e molto altro

Per acquistare uno o più libri è sufficiente compilare l’apposito modulo al quale si accede dalla scheda di ciascun libro.

Qualora i volumi ordinati non siano tutti immediatamente disponibili, il nostro staff si riserva di contattarti via mail per concordare le modalità di spedizione (A: invio immediato dei volumi presenti a magazzino e successivo invio di quelli mancanti – B. invio unico dopo il ricevimento da parte nostra dei volumi mancanti).

N.B. la fattura deve essere esplicitamente richiesta al momento dell’ordine, comunicando la ragione sociale completa di partita IVA e/o Codice Fiscale e Codice SDI.

Ai sensi dell’Art.5 del relativo Decreto, l’acquirente ha il diritto di recedere dal contratto e restituire i volumi ordinati entro 10 giorni lavorativi, purchè nel medesimo stato in cui li ha ricevuti. Il diritto di recesso dovrà essere esercitato mediante invio di lettera raccomandata A.R. a: LIMOND S.a.s. – via Arnolfo di Cambio 24/A – 37138 Verona (VR) – entro il termine di 10 (dieci) giorni lavorativi dal ricevimento dei volumi.

Tutti i resi dovranno essere autorizzati da Limond S.a.s (tel. +393472455641) con l’assegnazione di un numero di autorizzazione alla resa. Le spese di spedizione saranno interamente a carico del cliente e non si accetteranno pacchi in contrassegno.

Al ricevimento dei volumi, e verificata la loro integrità, Limond S.a.s. provvederà, entro 10 (dieci) giorni, ad accreditare il cliente del valore dei volumi restituiti.

La tempestività nell’evasione dell’ordine è determinata dalla disponibilità della merce ordinata. In caso di immediata disponibilità l’ordine verrà evaso entro 2 giorni lavorativi. Qualora uno o più libri non dovessero essere presenti a magazzino possono essere ordinati su richiesta; il nostro staff informerà il cliente, via mail, circa i tempi necessari per l’evasione dell’ordine.

Pagamento tramite bonifico bancario anticipato alle coordinate comunicate in fase di check-out

I costi di invio (che comprendono imballo e spedizione) per libri e riviste in ITALIA sono i seguenti:

Servizio postale: 3-5 gg (per merce immediatamente disponibile presso il nostro magazzino)

  • Spedizioni per acquisti fino a 62,00€: €5,50
  • Spedizioni per acquisti fino a 120,00€: €9,50
  • Spedizioni per acquisti superiori a 120,00€: Gratuite

Per una quotazione dei costi di invio in EUROPA o per spedizioni internazionali vengono richiesti i seguenti dati:

  • Nome/Cognome
  • Indirizzo (comprensivo di Codice postale)
  • Mail
  • Telefono (meglio se Cellulare)

 

Alla conferma di accettazione, verranno comunicate coordinate bancarie/account PayPal da utilizzare per il pagamento. Un Una volta ricevuto, verrà evasa la spedizione inoltrando notifica e tracciabiltà.