INVENTARIO 15. Tutto è Progetto

Corraini Edizioni

INVENTARIO 15. Tutto è Progetto

€15.00

a cura di Beppe Finessi

Giunto al quindicesimo numero e al decimo anno, INVENTARIO continua a raccontare la cultura del progetto, unendo design, arte e architettura in un dialogo libero e interdisciplinare. La copertina di questa nuova uscita è dedicata alla matita: oggetto comune e umile, alla portata di tutti e anche per questo non “visto”, che ha invece una sua inaspettata bellezza ed è portatore di una storia sociale e culturale insieme, bacchetta magica da cui scaturiscono linee, evoluzioni, idee.

Tra le pagine di INVENTARIO ritroviamo le consuete rubriche che organizzano i contenuti in un flusso di pensieri, oggetti e immagini.
In “Rimbalzi” Beppe Finessi esplora i significati della relazione tra “pieno” e “vuoto”, “visibile” e “invisibile”, mentre in “Accoppiamenti Giudiziosi” Stefania Di Maria raccoglie opere accomunate dal tema del “NO”.
“Inventario per Autori” propone un originale manuale di progettazione attraverso l’opera di Corrado Levi: diciotto modi di progettare, diciotto chiavi di lettura dell’opera di Levi. A sua volta, Corrado Levi presenta attraverso i suoi “Perché” la “Seduta da bordo strada” di Lina Bo Bardi, realizzata nel 1967.
La rubrica di Manolo De Giorgi “Cromie”, dopo aver raccontato l’arancione e il verde negli scorsi numeri, questa volta si soferma su opere, oggetti e spazi caratterizzati dal marrone. Le “Normali Meraviglie” di Paolo Bocchi, con disegni di Marco Manini, trasformano oggetti comuni – dal cavatappi al campanello, dall’àncora alla mirrorball – in “anonimi poetici”, astraendoli attraverso immagini e versi.
Per “Miti d’Oggi” Francesca Picchi sceglie James Irvine, ripercorrendo le tappe del suo lavoro di designer, mentre le “Brevi Note” di Giulio Iacchetti sono dedicate alla pipa, con una selezione di dodici modelli iconici.
In “Lezioni”, Alberto Meda racconta la sua idea di industrial design attraverso alcuni dei progetti sviluppati nel corso della sua carriera. Protagonista di “Temporalia” di Elisa Testori è lo scotch: materiale caro agli artisti contemporanei, lo scotch può diventare progetto e oggetto di attenzioni anche da parte di grafici e designer che se ne servono (per modificare, per saldare, per coprire, per comporre, per giocare) e lo ripensano. Gli “Altri Sguardi” di Roberta Valtorta, infine, sono dedicati alle giostre e alla loro forza evocativa, tra viaggio, gioco, sogno.

 

> Beppe Finessi (1966), architetto, svolge attività didattica, critica e di ricerca. Attraverso progetti espositivi ed editoriali si occupa dell’opera dei grandi maestri del design italiano e dei nuovi protagonisti della scena internazionale. Dal 2010 progetta e dirige “Inventario. Tutto è Progetto”.

Veste editoriale: Brossura
Formato: 21x27
Pagine: 160
Immagini a colori:
Immagini b/n:
Lingua: IT-GB
Anno: 2020

ISBN: 9788875708801