copertina di L'orientalismo E Le Arti

Electa Elemond Editori Associati

L'orientalismo E Le Arti

€59.00
di Emmanuelle Gaillard
 

'Non c'è al mondo città uguale, che vi offra tali delizie così che uno si crede in paradiso', scriveva Marco Polo nel Milione a proposito di Hangzhou.
L'Oriente, terra lontana, vagheggiata e ri-creata dalle fantasie dell'Occidente come luogo opulento e mitico in un ciclico bisogno di 'esotico', diviene un vero e proprio stile dal XVII secolo in poi.
Una moda che invade ogni ambito del vivere e del fare arte, che assume il valore di una letteraria pittura d'evasione, e che si declina nel gusto quotidiano, diventando sfarzo, stravaganza, e a volte eccesso.

Il volume racconta quella che fu una tendenza europea, partita dalla Francia: la Cina e le sue decorazioni diventarono varianti esotiche del Rococò e furono riprodotte ed echeggiate in tutta Europa, su ogni mezzo e superficie. Il gusto imperante coinvolse tutto, dalla carta da parati alle stoffe, dai pannelli di lacca ai mobili, insieme alle porcellane della cui pregiatissima produzione cinese la Francia scoprì per prima il segreto. Pagode e padiglioni sorsero nei parchi e nei giardini della nobiltà e della ricca borghesia, come il palazzo di Caterina II e il Royal Pavilion di re Giorgio a Brighton, incredibile costruzione intessuta di arte e ambizione.

Ma Oriente non è solo Cina o Giappone: il libro comprende anche le influenze che arrivarono dal vicino e medio Oriente, dall'India con le sue spezie, il cotone e il cachemire, dall'Asia sud-orientale, con Bagdad e le suggestioni da Mille e una notte, che si declinano in un'architettura europea di imperituro valore.

 
Veste editoriale: Brossura
Formato: 24,5x33
Pagine: 220
Lingua: IT
Anno: 2010
 
ISBN: 9788837075392