copertina di Il Canto Del Guanciale E Altre Storie

Phaidon Press Ltd.

Il Canto Del Guanciale E Altre Storie: Di Utamaro, Hokusai, Kuniyoshi E Altri Artisti Del Mondo Fluttuante

€65.00
di Gian Carlo Calza
 

Nel corso del XVII e XVIII secolo, in modo analogo all’Occidente dove, accanto a sempre più rigide dottrine di vita rigorosa e casta, si affermavano movimenti libertini del pensiero e dei costumi, in Giappone si sviluppava insieme alla vita di città e alla borghesia un codice culturale simile. Ma mentre in Europa la repressione della sessualità diede origine a un’arte erotica limitata, gli artisti giapponesi del mondo fluttuante, l’ukiyo-e, liberi dai pregiudizi di peccato, producevano e diffondevano opere erotiche che incoraggiavano la ricerca e l’esplorazione del piacere sessuale prodotte in grande numero e dai maestri più celebri. Esse erano condannate dall’imperante morale dei samurai, ma di fatto tollerate.

Phaidon è lieta di annunciare la pubblicazione de Il Canto del Guanciale e altre Storie, a cura del noto esperto d’arte giapponese Gian Carlo Calza, il primo volume per il grande pubblico che dopo secoli rende fruibili queste immagini al mondo occidentale.
Note come Shunga, o “immagini della primavera”, queste illustrazioni di eccellente qualità erano molto popolari nella società giapponese e i “libri del “guanciale” erano veri e propri manuali delle pratiche sessuali, pensati per informare, eccitare e intrattenere.
Alcuni Shunga illustrano famosi racconti, mentre altri sono semplici fogli o album erotici che passano in rassegna tipologie di atti sessuali nelle varie fasi dell’esistenza: da giovani adolescenti vergini a vecchie coppie sposate spesso in rapporto con il fluire delle stagioni.
I giapponesi del periodo proto-moderno in cui si sviluppò la cultura del “mondo fluttuante” non erano interessati tanto alla nudità del corpo, quanto al piacere carnale e spesso alla trasgressività e clandestinità, perciò negli shunga i personaggi sono quasi sempre raffigurati completamente o parzialmente vestiti mentre sono impegnati in rapporti sessuali altamente erotici.

Il Canto del Guanciale e altre Storie è un oggetto di lusso ed esso stesso una fonte di affascinante bellezza. La copertina del libro è nascosta da un’elegante sovracoperta di carta setificata con caratteri impressi in oro. L’immagine erotica è delicatamente celata, ma velatamente intuibile in trasparenza. Inoltre, ogni libro include una stampa della famosa scena erotica di Utamaro tratta dal “Canto del guanciale”, che può essere incorniciata.

I maestri del “mondo fluttuante” (XVII-XIX secolo), come Utamaro, Hokusai, Harunobu, Kunisada, Kuniyoshi, per citare alcuni nomi rappresentati ne Il canto del guanciale, usavano un vivido linguaggio figurativo e colori vibranti, che erano unici per il periodo in cui furono creati. Gli shunga furono introdotti in Europa già dalla fine del Settecento da viaggiatori di ritorno dall’Oriente, ma scoperti e diffusi esercitando, come tutto l’ukiyoe, una grande influenza sull’uso dei colori e lo stile di Edgar Degas, Vincent van Gogh, Édouard Manet e molti altri.
Il canto del guanciale di Gian Carlo Calza è un’originale raccolta di Shunga, unica nel suo genere, che raccoglie opere di collezioni pubbliche e private e offre un’incredibile varietà di esempi dell’erotismo tradizionale giapponese.

 

* > Gian Carlo Calza è professore di Storia dell’arte dell’Asia orientale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia ed è direttore dello Hokusai Centre of Japanese Arts. Indiscussa autorità dell’arte giapponese, ha pubblicato numerosi volumi e articoli su diversi artisti, come le monografie di Phaidon Hokusai (2003), Ukiyo-e (2005) e Japan Style (2007).

Veste editoriale: Cartonato con Sovraccoperta
Formato: 20,5x27
Pagine: 464
Immagini a colori: 350
Immagini b/n: 25
Lingua: IT
Anno: 2010
 
ISBN: 9780714859620